Archivio

Archivio 7 Gennaio 2007

Svegliati Italia !!!!! Passaparola..

7 Gennaio 2007 2 commenti


E tu?!! Che faresti?!! ” riflessione ” …

A.A.A. SANTORINI CERCASI

7 Gennaio 2007 Commenti chiusi


CIAO A TUTTI AMICI ! CERCO QUALCUNO/A CHE POSSA DARMI QUALSIASI TIPO DI INFO PER SANTORINI (HOTEL,PENSIONI, ETC.. DRITTE UTILI , LINK , ETC. INSOMMA .. ).
VOGLIO ANDARE IN FERIE LI’ UNA SETTIMANA A GIUGNO .. VI PREGO AIUTATEMI .. RICAMBIO CON INFO BARCELLONA , LLORET DA MAR , IN CASO … HELP ME !!! WWW , PENSACI TU …
LO SO , LO SO E’ A GIUGNO .. MA MEGLIO PREVENIRE CHE CURARE O NO??!
BACI E GRAZIE …

I graffiti … libera arte ..

7 Gennaio 2007 1 commento


Graffiti, arte o vandalismo?

Un recente sondaggio Eurispes ha rivelato che al 76% dei giovani
piacciono le opere dei writers

Da quando esistono i graffiti, esiste il quesito: sono arte o vandalismo? La “scuole di pensiero” si dividono, e se dalla parte di chi li criminalizza è facile annoverare amministrazioni comunali, proprietari di case e negozi che spesso si trovano muri e saracinesche imbrattate da tag (alias, firme), dalla parte dei pro-murales ci sono molti ragazzi. Lo ha rivelato un’indagine condotta da Eurispes e Telefono Azzurro su un campione di 5.710 giovani tra i 12 e i 19 anni.

Stando ai risultati del sondaggio, al 76% degli interpellati i graffiti piacciono. Il 44% li considera una forma d’arte, mentre una percentuale nettamente minore, il 21,7%, li ritiene atti vandalici. Il 24,1% pensa siano un modo di esprimere le proprie opinioni, il 7,8% li preferisce ai manifesti pubblicitari, mentre solo lo 0,8% li ritiene un gesto d’espressione politica. Le ragazze sono più propense a considerarli una forma di espressione (28% contro 20,7% dei maschi). I maschi sono anche più inclini a esprimere pareri negativi, considerando i graffiti atti di vandalismo (16,3% contro il 12,6% delle adolescenti) e a pensare che imbruttiscono la città (7,8%, contro il 6,8% delle ragazze). In generale entrambi i sessi considerano più lecito disegnare sui muri che sui treni, ma sono le femmine le più severe nel condannare un graffito realizzato su un edificio o un monumento.

Della minoranza che lo condanna invece, il 14,4% ritiene che il writing non sia altro che un atto vandalico compiuto da delinquenti, mentre il 7,3% pensa che scritte e disegni imbruttiscano la città. Al contrario, interrogati sui luoghi in cui ritengono sia lecito dipingere, il 61% dei ragazzi sceglie i muri, riconoscendo ai graffiti una funzione di abbellimento di zone urbane che altrimenti risulterebbero grigie e anonime.

La pratica è maggiormente condannata invece quando si toccano monumenti e beni pubblici. Ed è proprio per la tutela di questi beni che molti comuni italiani si sono mossi per cercare di arginare il fenomeno dell’imbrattamento. L’ultima novità è il disegno di legge del senatore e vice sindaco di Milano De Corato, che prevede pene e sanzioni per chi deturpa beni pubblici e privati, ma nel panorama italiano si levano anche voci contro corrente: non mancano i comuni che hanno aperto le porte ai graffitari, organizzando manifestazioni e cedendo loro spazi per realizzare i loro disegni, che in alcuni casi non possono non essere considerati opere d’arte vere e proprie.

Tra indagini, sondaggi e provvedimenti più o meno drastici non manca la voce di chi sta al di là della barricata, e ha in mano le bombolette. «Penso che il fascino dell’aerosol art e del writing sia dato proprio dal fatto che è praticato illegalmente e in luoghi più o meno impensabili – racconta Eron, uno degli esponenti di spicco dell’aerosol art italiana – Il fatto che oggi vi siano persone che scrivono su monumenti o vetrine di privati non lo condivido, ma è un fenomeno che esiste – spiega – Forse è l’evoluzione del writing, o forse più che la nuova generazione di writer è la degenerazione del writer».

Quindi amici : I Graffiti, arte o vandalismo? x me arte , ma deve essere regolarizzata in modo ben preciso , senò diventa vandalismo .. ;D